Editoria FIE:
Federazione Italiana Escursionismo

Diciannovesimo giorno per Lorenzo Schia sul Sentiero Europeo E7: inizia l’avvicinamento al Lago di Como

Giornata lunga, quella di Lorenzo Schia lunedì 26 settembre 2022 sul Sentiero Europeo E7. Il percorso è forse meno impegnativo rispetto al tratto delle Prealpi Venete, ma non per questo il cammino è meno intenso, anzi. Aumenta il numero di chilometri percorsi quotidianamente. Se poi si parte all’alba e si arriva dopo il tramonto, col passo di un ultra trail runner, alla fine la distanza è impressionante.

La giornata, poi, non è finita lì. Attendeva Lorenzo Schia una videoconferenza con il Gruppo di Lavoro Comunicazione della FIE. E mille sono state le domande che gli escursionisti hanno voluto rivolgere al runner. Ne è venuto fuori un incontro di un paio d’ore, dal quale scaturirà una serie di articoli che, a partire dai prossimi giorni, pubblicheremo sul sito e sui social della Federazione Italiana Escursionismo. Un modo per conoscere meglio il mondo di Lorenzo, il suo modo di vivere i sentieri e il suo sport, forse una piccola parte del suo carattere e della sua personalità. 

Procediamo, per ora, con la cronaca, con il consueto resoconto che Lorenzo Schia ci invia quotidianamente, seguito dalla mappa Google, dai video e dalle immagini

La tappa di Oggi parte da Gandino e arriva a Clenazzo.
Una tappa che mi vede partire di mattina molto presto, quando ancora è buio; accendo le torce e inizio la salita che mi porta verso la vallata del fiume Serio dove ad aspettarmi ci sono Armando e Sandro, esperti di quel territorio.
Li raggiungo, mi accompagnano per la prima parte della mia tappa giornaliera. Tempo di prenderci un caffè e iniziamo a salire in direzione del Monastero di San Patrizio e poi saliamo fino al paese di Selvino.
Ci salutiamo e io proseguo sulla seconda parte, qualche km in discesa e subito dopo si torna a risalire in direzione del monte Costone dove una bianca Madonnina mi osserva mentre mi avvicino. Qualche foto e riparto per un altra salita che mi porta alla Croce del Canto Alto, che è forse la croce più alta che ho incontrato su questo sentiero E7.
Scendo bruscamente di quota e arrivo al paese di Clenazzo dove finisce la mia giornata di cammino.

Articoli correlati

Facebook
Twitter